Crea il profilo del tuo cliente ideale

Il marketing funziona solo se conosci il tuo cliente ideale come il tuo miglior amico. Crea quindi un profilo psicologico del tuo cliente ideale che include le sue preoccupazioni, desideri, sogni, ambizioni, paure. Il profilo dovrebbe essere verosimile e realistico e dovrebbe permetterti di immedesimarti e di sapere sempre come si comporterà in una determinata situazione.

Hey Hey! Benvenuto nella puntata numero 5 del podcast Comunicare per connettere.

La pillola di oggi è dedicata al cliente ideale.

Sono certa che hai sentito il solito consiglio che il marketing funziona solo se conosci il tuo cliente ideale ovvero la persona alla quale ti rivolgi. Ci sarà un motivo per cui gli esperti di marketing insistono così tanto su questo fatto, no?

Ma so che poche imprese prendono questo consiglio seriamente.

Tu come sei messo?

Mi rendo conto che non è facile e che ti vengono mille dubbi, che ti sembra di escludere e forse anche di deludere le persone reali che pagano il tuo prodotto o servizio anche se non sono “perfette”.

E tutto per colpa di questa entità un po’ fiabesca che forse nemmeno esiste o almeno tu non l’hai incontrata e se hai avuto la fortuna di avere un paio di clienti ideali di certo non sono sufficienti per rendere la tua attività sostenibile. Vero?

Oh, come ti capisco!

Tutte queste perplessità le ho avute anch’io quando ho iniziato la mia attività in proprio.

Mi sembrava un compito impossibile anche se sapevo benissimo l’importanza di questo passaggio. In questo limbo ho iniziato a scrivere i blog post, a postare sui social media … ed era evidente ai miei contenuti mancava l’incisività.

E allora un giorno ho deciso di stare al gioco. Mi sono permessa di fantasticare e di immaginare questa persona, la sua vita, le sue abitudini, le sfide che affronta, le perplessità, dubbi, paure, soluzioni che cerca...

Mano a mano che il mio cliente ideale prendeva forma anche la lista delle mie idee su come impostare la mia attività, i contenuti, le risorse, come strutturare servizi diventava più concreta e più facile da creare.

Al profilo che ho creato ho associato una foto e l’ho appeso davanti alla scrivania.

Ora non c’è più però all’inizio era il mio migliore e l’unico compagno di scrivania.

Ogni cosa che creo da quel momento è dedicata a questa persona. Anche questo podcast. E il bello è che questa persona si evolve e cambia mano a mano che aggiungo dettagli che scopro durante le consulenze, corsi oppure interazioni sui social.

Facciamo allora questo gioco insieme? Ti va?

Iniziamo con le regole del gioco:

1:: Ascolta questa puntata in cui ti spiego cosa è cambiato e perché conoscere il tuo cliente ideale è importante se vuoi avere successo online.

2:: Fai una ricerca in base alle indicazioni che ti darò nel corso della puntata.

3:: Scarica la risorsa gratuita che trovi sul mio sito aleksandrabobic.com/5 e compila il profilo del tuo cliente ideale.

Ci stai?

In tutto il compito non dovrebbe portarti via più di un ora e il ritorno in termini della chiarezza sarà enorme. A partire dalla famosa domanda “cosa pubblico oggi sui social media”?

Ecco! Basta chiederti che problema ha il mio cliente? Come posso aiutarlo oggi?

Iniziamo!

cliente-ideale -puntata5-pin.png

Il motivo per cui le aziende faticano a emergere online è spesso dovuto al modo in cui utilizzano i canali di online marketing come se fossero media tradizionali (TV, giornali). I loro messaggi sono ottimizzati per un pubblico passivo che subisce, si fa manipolare e crede o meglio cede di fronte alle promesse insistenti.

Questi tempi sono passati, per fortuna!

Il cliente ora sceglie cosa vuole vedere, quando e come. Può sempre decidere di ignorare, escludere dalla propria esperienza oppure “punire” le aziende che non rispettano le nuove regole del gioco.

In più, le persone non si fidano del marketing, delle promesse, delle celebrità e delle autorità. Per consigli e suggerimenti interpella il fattore “F”: friends - family - fans - followers.

E con le aziende vogliono avere una relazione alla pari. Vogliono essere coinvolti e considerati.

Cosa vuol dire questo per le aziende?

Che devono cambiare prospettiva. Invece delle promozioni devono creare relazioni.

L’unico modo per affermarsi online è attraverso:

1:: il valore che crei per il tuo cliente

2:: le relazioni sincere.

In entrambi i casi, prima devi conoscere la persona che vuoi raggiungere.

Dovresti sapere che problema ha, che soluzioni cerca, cosa puoi fare per ispirarlo, divertirlo, renderlo partecipe.

Il marketing oggi si basa sulle relazioni e le relazioni non sono mai facili, vero? Richiedono investimento, tempo, pazienza, empatia, gentilezza e generosità.

E qual è la ricompensa per tutto questo investimento soprattutto di energie e attenzioni?

Il tuo pubblico ovvero le persone che assomigliano al tuo cliente ideale - bada bene non al 100% però che hanno i suoi stessi gusti, problemi e sfide - cominciano a essere attratte da te, a conoscerti, a fidarsi di te e a desiderare il prodotto/servizio proprio come lo fai tu. Con i tuoi valori, competenze, capacità e strumenti. Anche se costa di più. Anche se questo vuol dire che devono prendere la macchina per incontrarti.

Il tuo cliente ideale

È molto semplice: è la persona con la quale ti piace lavorare.

Tra i tuoi clienti sicuramente ci sono quelle persone che ti illuminano la giornata. Forse non sono tante, ma esistono e interagire con loro è un piacere per tutto il team.

Il tuo obiettivo dovrebbe essere attirare più persone come questa. Grazie al web ora lo puoi fare.

Se c’è una cosa che il web e quasi tutti gli algoritmi di varie piattaforme e motori di ricerca fanno in modo impeccabile è creare esperienze personalizzate in base alle preferenze e ai profili.

La tecnologia ti viene incontro perché proporrà i tuoi contenuti e il tuo profilo alle persone che assomigliano a quelle che sono già attratte da te. Semplice, no?

Le aziende che capiscono il vantaggio di questa nuova realtà e di questo nuovo approccio approfitteranno maggiormente delle opportunità che offre la rete.

Le aziende che hanno capito questo ormai tanti anni fa e che non hanno mai fatto i compromessi per attirare il pubblico sono Apple, Starbucks, Nike ma anche tantissime micro aziende oppure persone singole che sono diventate fenomeni del web. Loro sanno benissimo chi è e ancora meglio cosa cerca e cosa si aspetta la persona con la quale vogliono avere a che fare e come accontentarla al meglio.

Prima riesci ad abbandonare il vecchio concetto di promozione di massa, di un messaggio che va bene a tutti, di ripetere fino a sfinire, parlare senza ascoltare, chiedere senza dare, prima vedrai i risultati.

Il cambiamento inizia quando impari a conoscere, capire e creare una relazione con il cliente e cercare modi sempre nuovi per essergli utile.

5 idee per recuperare le informazioni sul tuo cliente ideale

1:: usa il tuo intuito: chi sono le persone con le quali ti piace lavorare, che caratteristiche hanno, cosa apprezzano del tuo lavoro e perché.

2:: fai una ricerca online: analizza i profili online delle persone che corrispondono al tuo cliente ideale oppure le pagine dei tuoi competitor; come interagiscono, cosa condividono, cosa commentano, cosa leggono?

3:: utilizza i questionari per fare un sondaggio e raccogliere le opinioni del tuo pubblico; lo puoi fare anche dal vivo, in occasione delle fiere, incontri, oppure se hai un’attività locale con un negozio fisico offri un caffè alle persone che assomigliano di più al tuo cliente ideale.

4:: ascolta, segnati le domande che ti fanno le persone che assomigliano al tuo pubblico ideale. Cosa ti chiedono più spesso, cosa vogliono sapere quando sono indecisi? Ogni indizio è importante!

5:: usa la mappa dell’empatia. Uno strumento avanzato, utile potrebbe essere la mappa dell’empatia dove puoi esplorare il profilo del tuo cliente in un modo diverso e più immersivo. Ci vuole un po’ di abilità e fantasia per compilarla però ti consiglio di provarci.

Crea il profilo del tuo cliente ideale

Scarica la risorsa gratuita che trovi sul mio sito al link aleksandrabobic.com/5

Spingiti oltre. I dati demografici che definiscono il cliente in modo generico: “donna del Nord Est, tra 18 e 55 anni” non sono sufficienti.

Crea un profilo psicologico che includa le sue preoccupazioni, desideri, sogni, ambizioni, paure. Il profilo dovrebbe essere verosimile e realistico e dovrebbe permetterti di immedesimarti e di sapere sempre come si comporterà in una determinata situazione.

Dagli un nome, associa l’immagine di una persona reale e comincia a validare le tue scelte attraverso il suo punto di vista.

Ed infine ricordati: chi cerca di essere tutto per tutti finisce per essere niente per nessuno. Piacere a tutti è impossibile e chi ci prova lo fa a discapito della chiarezza. Può sembrare controintuitivo, però indirizzare il messaggio al tuo cliente ideale è il modo migliore per emergere e migliorare subito la presenza online.

Ed è tutto per questa puntata!

La settimana prossima vediamo come parlare del tuo prodotto dal punto di vista del cliente. Se non vuoi perdere questa puntata, iscriviti al podcast su iTunes, Stitcher e Spotify.

Ti sarei immensamente grata se potessi scrivere una recensione del podcast su iTunes!

Grazie per il tuo tempo e per la tua attenzione.

A giovedì prossimo!


Iscriviti su

 

LASCIA UNA RECENSIONE

Se il podcast ti piace e pensi sia utile, ti sarei grata se potessi lasciare una valutazione oppure una recensione in iTunes in modo che anche le altre persone lo possano trovare.

Grazie di cuore!